“Pensieri migranti in quarantena”, un concorso per raccontare l’esperienza del lockdown

“Pensieri migranti in quarantena”, un concorso per raccontare l’esperienza del lockdown

 

“Pensieri migranti in quarantena” è un concorso organizzato da Etna, Progetto di Etnopsicologia Analitica. Etna è un’associazione romana che offre psicoterapie e progetti terapeutici specifici a migranti, rifugiati o richiedenti protezione internazionale, donne vittime di tratta e minori stranieri non accompagnati, figli di genitori stranieri, minori stranieri in adozione e famiglie adottive. 

L’obiettivo è quello di raccogliere pensieri, vissuti ed emozioni nate in questo periodo di  lockdown attraverso varie forme espressive: disegni, fotografie, racconti, poesie, video, musica. “Ci avviciniamo all’uscita dalla quarantena – si legge nella presentazione del concorso – cosa immaginiamo accadrà e quale sarà il destino di questa esperienza e dei pensieri migranti?”

Ogni settimana l’associazione pubblicherà sulla sua pagina Facebook una selezione delle opere pervenute. Quella che alla fine del concorso riceverà più like sarà la vincitrice e si aggiudicherà un buono spesa da utilizzare presso libreria TOMO (via degli Etruschi 4A, Roma). Quanti non a Roma potranno ordinare i libri e riceverli via posta.

Video e immagini prodotte dovranno essere in bassa risoluzione, per i video la durata massima è di due minuti.

La partecipazione è gratuita e aperta a tutti coloro che vivono o hanno vissuto il fenomeno migratorio: persone migranti, seconde generazioni, insegnanti, operatori dei centri, senza limiti di età, di genere e nazionalità. 

Per partecipare bisognerà inviare la propria opera, entro il 31 maggio 2020 ,all’indirizzo pensierimigranti@etnopsicologianalitica.it indicando il nome del o degli autori, il titolo dell’opera, la propria mail, e allegando la scheda tecnica compilata e firmata.

Per maggiori informazioni: https://www.etnopsicologianalitica.com/ – info@etnopsicologianalitica.com

8 maggio 2020