Napoli, il Premio Pimentel Fonseca Honoris Causa verrà assegnato a Carola Rackete

Napoli, il Premio Pimentel Fonseca Honoris Causa verrà assegnato a Carola Rackete

 

Il prossimo settembre si terrà al PAN Palazzo delle Arti di Napoli (Via dei Mille, 60) la quinta edizione del Premio giornalistico Pimentel Fonseca, quest’anno dedicato ai migranti.

Il premio, che porta il nome della leggendaria giornalista e politica protagonista dell’esperienza della Repubblica Napoletana, verrà assegnato quest’anno alla reporter, ricercatrice e attivista spagnola specializzata in traffici di esseri umani Helena Maleno. Maleno, oggi vive in Marocco dove denuncia le violazioni dei diritti che avvengono sulle frontiere spagnole del sud e segnala quotidianamente barche alla deriva coordinando il salvataggio dei naufraghi.

A Carola Rackete, trentunenne ricercatrice e comandante della nave tedesca Sea Watch 3 che rischia il carcere per aver forzato il blocco delle autorità italiane imposto contro lo sbarco dei naufraghi soccorsi dalla Ong lo scorso giugno, verrà assegnato il premio “Honoris Causa” istituito per la prima volta nel 2017.

Il premio Pimentel Fonseca – organizzato e voluto dal Comune di Napoli, Istituto Italiano Studi Filosofici e Associazione culturale “Periferie del mondo – Periferia immaginaria” – sarà il prologo del Festival Internazionale di Giornalismo Civile “Imbavagliati”, il cui tema quest’anno sarà “Guerre Innocenti”: particolare attenzione verrà data a quei conflitti dove sono i bambini a pagare il prezzo più alto. 

Il premio Pimentel Fonseca è stato negli anni assegnato a personalità che si sono particolarmente distinte nel campo dell’attivismo per i diritti civili, umani e politici: nel 2015 il premio è stato assegnato alla giornalista russa Oksana Chelysheva, collaboratrice della Novaya Gazeta, dove lavorava con Anna Politkovskaja, nel 2016, invece, a vedersi assegnato il riconoscimento è stata Djimi Elghalia, attivista per i diritti del popolo Saharawi, nel 2017 l’attore spagnolo Carlos Bardem ha ritirato il premio a nome della madre Pilar, attrice e attivista per i diritti civili e infine nel 2018 è stata onorata la memoria della giornalista maltese Caroline Muscat, assassinata per il suo lavoro di inchiesta.

“Imbavagliati- Festival Internazionale di Giornalismo Civile” si terrà dal 20 al 24 settembre 2019 al Pan di Napoli, promosso dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli e dalla Fondazione Polis della Regione Campania per le vittime innocenti della criminalità e i beni confiscati. È realizzato in collaborazione con Federazione Nazionale della Stampa, Ordine Nazionale dei Giornalisti, USIGRai, Sindacato Unitario Giornalisti della Campania, Articolo 21, con l’alto patrocinio di Amnesty International e Unicef Italia.