Laboratori di abitanza: in Emilia Romagna le esperienze per una città solidale

Tre esperienze in tre diverse città dell’Emilia Romagna per promuovere e favorire la convivenza tra cittadini italiani e stranieri. Un modo per condividere e conoscere le esperienze positive e cominciare a progettare interventi per costruire quartieri multiculturali.

Questi l’obietto dell’iniziativa “Laboratori di abitanza: esperienze per una citta vivente e solidale” promossi dalla Regione Emilia Romagna in collaborazione con i Comuni di Parma, Rimini e Ravenna, nell’ambito del progetto FAMI Casper II. A Parma si è pensato di intervenire sul quartiere Pablo, luogo storico d’insediamento degli immigrati; a Rimini è stato individuato il Parco Marecchia in cui sorgono gli spazi autogestiti di Casa Madiba Network e Casa Don Andrea Gallo; a Ravenna la scelta è ricaduta invece sul quartiere Darsena dove il Comune, molti anni fa, ha insediato con successo la Casa delle Culture.

L’azione prevede l’attivazione di percorsi partecipativi basati sulla metodologia del Community lab e sul coinvolgimento delle associazioni di migranti, enti locali e terzo settore. Il lavoro svolto nelle tre città sarà presentato e discusso nei laboratori previsti a Bologna, Ferrara, Forlì-Cesena, Modena, Piacenza e Reggio-Emilia.

I laboratori, a cura di Giolli Coop, sono completamente gratuiti e rivolti ad operatori e tecnici delle Istituzioni pubbliche e del Terzo Settore, a studenti e volontari interessati al tema. Si svolgeranno in sei giornate: il 6,7, 8, 14,15 e 16 Luglio 2021. Per partecipare è necessario iscriversi entro il 28 giugno 2021 collegandosi al link: https://forms.office.com/r/fqXbWa2zEL