E’ anticostituzionale la legge“anti-moschee” della Lombardia

 

 

La Corte Costituzionale, con la  Sentenza 254/2019  ha dichiarato incostituzionale la legge della Regione Lombardia risalente al 2015 che regolava la costruzione di nuove strutture religiose con criteri molto stringenti. La norma era anche nota come “legge anti-moschee” legandosi all’intento di impedire la creazione di nuovi luoghi di culto islamici nella regione.

Da subito le comunità islamiche, ma anche cattoliche, evangeliche e di altre minoranze religiose, avevano fatto appello all’allora governo Renzi perché impugnasse la legge per motivi di incostituzionalità.

La norma istituiva una serie di limitazioni tecniche alla creazione di nuove strutture subordinandola in primo luogo ad un “Piano per le attrezzature religiose” (PAR, una mappatura dettagliata di tutti i luoghi di interesse religioso all’interno del comune intenzionato ad aprire il nuovo luogo di culto) e in secondo luogo collegando il PAR al Piano di governo del territorio (l’ex piano regolatore). Criteri così stringenti, ha rilevato poi la Corte “rendevano assolutamente incerta e aleatoria la possibilità di realizzare nuovi luoghi di culto” e quindi, in base all’articolo 19 della Costituzione italiana, le disposizioni comprimevano la libertà religiosa garantita dalla nostra carta fondamentale.

La Corte ha quindi accolto il ricorso del Tar della Lombardia, che aveva avanzato dubbi di costituzionalità, annullando le disposizioni (i commi 2 e 5 dell’articolo 72 della legge regionale 12/2005) che si applicavano ai luoghi di culto senza considerazione per il loro impatto urbanistico e sottolineando negativamente il potere discrezionale dei comuni sulla creazione degli stessi.

 

In Italia ad oggi esistono 10 moschee ufficiali (ovvero costruzioni create appositamente a tale scopo), i musulmani in Italia esercitano la loro fede in oltre mille luoghi di culto, spesso immobili adattati e la costruzione di nuove moschee è spesso osteggiata dalla politica locale. Ad oggi – come avevamo già scritto su Stranieriincampania – in Campania, non esiste alcuna moschea ufficiale e le uniche a sud di Roma si trovano in Sicilia (Catania e Palermo).